Cosa vuol dire sostenibilità?

Riflettere sulle abitudini alimentari significa anche tenere conto della sostenibilità delle nostre scelte e dell’impatto che queste hanno sull’ambiente in cui viviamo.

Ma cosa vuol dire sostenibilità?

In poche parole, fare scelte che possano ridurre le emissioni di anidride carbonica. Sappiamo bene che l’uomo e la natura sono in rotta di collisione. E sappiamo che stiamo facendo troppo poco per garantire la sopravvivenza del mondo così come lo conosciamo e delle sue specie viventi, compresa la nostra.
Ogni occasione (soprattutto questa in cui state osservando le vostre abitudini e i vostri stili di vita)  è importante per sensibilizzare tutti verso scelte sostenibili per l’ambiente: ridurre le emissioni di anidride carbonica adottando stili di vita nuovi, più rispettosi dell’ambiente ed economicamente sostenibili.

Provate a misurare il vostro impatto sull’ambiente, con questo strumento interattivo: giocate insieme al vostro bambino e scoprite se il vostro stile di vita è sostenibile!

Il rispetto del pianeta parte dal cibo

Da dove partire per ridurre le emissioni di anidride carbonica? Per fortuna anche ad un problema così complesso si possono trovare soluzioni semplici. Il cibo è un’occasione per ricostruire un’alleanza con il pianeta e la natura.

La provenienza del cibo. Vi siete mai chiesti da dove vengono gli alimenti che portate in tavola? O se c’è una differenza tra quelli che acquistate al mercato e quelli che acquistate al supermercato? I cibi che mangiamo provengono in gran parte da produzioni su larga scala.
Purtroppo però le produzioni industriali prevedono l’utilizzo massiccio di pesticidi e la percorrenza di lunghi tragitti per arrivare dal luogo di produzione a casa, contribuendo così ad aumentare i livelli di inquinamento e le emissioni di gas serra.
Spesso, inoltre, le produzioni dai paesi del sud del mondo si concentrano su singole colture, impoverendo in modo irreversibile la biodiversità presente in natura, essenziale perché le specie animali e i vegetali resistano e siano in grado di adattarsi a cambiamenti ambientali o altri fattori di rischio.

Anche le grandi industrie hanno un loro impatto ambientale  e possono ridurlo a condizione che impieghino sistemi di irrigazione efficienti, metodi di lotta di tipo integrato o biologico agli insetti infestanti e (a patto che) riutilizzino il letame.

Ognuno può scegliere se subire questo modello di consumo usa-e-getta oppure se fare delle scelte quotidiane più rispettose del mondo in cui viviamo e che dovremo lasciare ai nostri figli: ecco alcuni consigli per fare scelte sostenibili tutti i giorni